Procedimento a freddo


Il procedimento a freddo è una possibile alternativa per fare il sapone e anzi risulta forse il metodo preferito da molti saponieri artigianali.

Cambia anche la quantità d'acqua da usare. Infatti ne evapora di meno rispetto al metodo a caldo ed è possibile utilizzarne 270-300 grammi per chilogrammo di grasso.

Istruzioni

1.-6. prime fasi

Le prime fasi della saponificazione a freddo sono identiche a quelle già descritte nel metodo a caldo fino alla fase del nastro.

In questo caso va però prestata maggiore attenzione alla temperature della soluzione di soda caustica e dei grassi che devono essere entrambe sui 45 gradi celsius.

Raggiunto il nastro vanno inseriti gli ingredienti facoltativi in maniera rapida di modo da non disperdere calore.

7. mantenere calda l'emulsione

In questa fase c'è la vera differenza della saponificazione a freddo: si sfrutta direttamente il calore sviluppato dalla reazione soda caustica e grassi per ottenere la saponificazione completa.

La massa in saponificazione va versata direttamente negli stampi (in questo caso devono essere resistenti alla soda caustica, quindi niente alluminio).

Gli stampi poi vanno avvolti in vecchie coperte di modo che rimangano caldi il piú lungo possibile.

8. creazione delle saponetee

Dopo 48 ore potete togliere il sapone dallo stampo (attenzione ad usare i guanti per maneggiarla) e tagliarla come il solito qualora sia necessario ottenere saponette piú piccole.

9. stagionatura

Mettete le saponette in un posto fresco (il sapone non ama il caldo) e asciutto. Dimenticatevele per 1 mese o anche di piú.

Passato questo tempo il vostro sapone è perfettamente utilizzabile.


Questa pagina è stata visitata 85706 volte.

GNU FDL logo google pagerank Valid HTML 4.01 Transitional

Siti amici

Numismatica     Associazione Numismatica     Hosting gratuito     psicologia     rasoi e lamette